« Indietro a tutti gli articoli

L'origine dei filati: seta, cotone e viscosa

in: Mr. Shopty risponde - autore: Shopty

Per poter confezionare ad hoc un capo, oltre che ad avere una buona e affidabile macchina per cucire, è necessario anche conoscere i tessuti che si utilizzano per capirne la loro reazione al momento della cucitura.
Pertanto di seguito troverete qualche “chiccheria” ed utile spiegazione sui principali tessuti che si trovano nelle nostre case.

SETA

Questo tessuto deriva da una sostanza viscosa prodotta da un simpatico animaletto che è il baco da seta; tale filamento a contatto con l’aria si solidifica conservando però una importante dote elastica.
Nello specifico i bruchi, durante la loro trasformazione da larva a crisalide, formano dei bozzoli che poi vengono essiccati e lasciati a macerare in acqua bollente. Una volta effettuati questi passaggi, viene eseguita la “scopinatura”: questo termine in sostanza rappresenta la ricerca del capo del filo (in questo caso della bava). Una volta trovato e srotolato il bozzolo, si ottiene il vero e proprio filo di seta greggia o detta anche "cruda".
Questo filamento ottenuto può essere utilizzato greggio o subire dei trattamenti come la torcitura o tintura, etc…
ll filato poi viene suddiviso in denari a seconda della grossezza ma anche a seconda della qualità, della provenienza, del sistema di allevamento del baco e della grossezza del bozzolo.

COTONE

Questa fibra deriva dalla lavorazione della Malvacee, che identifica una famiglia di piante che viene coltivata nelle regioni tropicali.
Tale pianta necessita di un’abbondante irrigazione durante il periodo della crescita e invece di pochissima acqua durante il periodo di maturazione dei semi. Questi ultimi, non appena maturi, appaiono ricoperti da batuffoli bianchi e dopo una opportuna lavorazione diventano dei fili di cotone grezzo.

VISCOSA

Questo filamento viene ottenuto mediante la liquefazione della cellulosa del legno. Facendola passare in un particolare colino, la cellulosa si trasforma in filato (ovvero in cellulosa allo stato puro) grazie ad un processo di raffreddamento. Il tessuto che deriva da questo filamento denota particolari caratteristiche di lucentezza e leggerezza e proprio per questo è necessario utilizzare alte percentuali di filamento per costituire un tessuto di una certa pesantezza.

Tags: Mr. Shopty risponde