« Indietro a tutti gli articoli

Un filo differente per ciascun lavoro: Viscosa Rayon

in: Mr. Shopty risponde - autore: Shopty

Quando si ha una macchina per cucire o ancora meglio una ricamatrice, si vuole ottenere sempre il massimo dai lavori di cucito che si eseguono, quindi ecco di seguito come trovare il filo giusto per il lavoro giusto!

Il filato di viscosa è l’ideale per i ricami a macchina in quanto è molto liscio, quindi viene scaricato bene dalla ricamatrice, permettendo così  una lavorazione continua senza intoppi. Ha colori molto lucenti che quindi consentono alle varie tonalità del disegno di risaltare nel loro massimo splendore. 
La pregiata viscosa che compone un rocchetto di  Rayon è composta da fili di seta, perciò si tratta di un prodotto del tutto naturale il cui procedimento di lavorazione è simile a quello che un tempo effettuava il baco da seta, quindi tramite un processo molto laborioso.

Il risultato è ottimale avendo questo filato un’inconfondibile lucentezza, un’alta resistenza allo strappo, un’eccezionale scorrevolezza durante la cucitura ed una vasta gamma di colori a disposizione.
Si possono ricamare su svariati tipi di tessuto, dal più leggero come la seta a quello più spesso come il Jeans.
Solitamente si consiglia il nr. 40 come grammatura, però è disponibile anche nello spessore 70 e 4. Per quanto riguarda il nr. 70 è di prassi utilizzato nella sottospoletta, essendo un filato molto fine, mentre il nr. 4 non viene utilizzato nel lavoro a macchina ma bensì  nei lavori a mano oppure nelle lavorazioni con le tagliacuci.
L’unico piccolo difetto che purtroppo questo filato ha è che facilmente si scolorisce, infatti si consiglia di lavare poco ed in acqua bollente tutti i ricami eseguiti con questo tipo di viscosa.
Le varietà nelle quali è disponibile il Rayon sono moltissime, ognuno delle quali crea un particolare effetto sul ricamo: MELANGE, POTPOURRI, SFUMATO,MULTICOLOR.

Per maggiore sicurezza sul trattamento di questo filato ecco di seguito le istruzioni sul lavaggio:

  • lavaggio a macchina a 95°
  • no candeggio
  • asciugatura a temperatura inferiore a 60°
  • stiratura a media temperatura
  • pulitura a secco (tutti meno tricloroetilene).

 

Tags: Mr. Shopty risponde, Macchine per cucire